Sesto Calende: dove comincia (o finisce) il lago

Sesto Calende: dove comincia (o finisce) il lago

Buongiorno a tutti !  Oggi vi porto con Sponda Magra on the Road alla scoperta di Sesto Calende, cittadina ricca di locali e ristoranti affacciata sul lungo fiume, una delle mete preferite soprattutto dai giovani.

Avete capito bene: ho detto fiume. Si perchè qui la cittadina è collocata all’estremo capo meridionale del Lago Maggiore, dove il  fiume Ticino riprende il suo cammino verso il Po, come emissario del Verbano. Qui insomma si può vedere il punto esatto dove lago e fiume si incontrano.

Come arrivare

Il nostro viaggio non può che partire da qui, anche perchè si tratta di una destinazione molto comoda da raggiungere: qui c’è una stazione dei treni (lungo Lal inea Milano domodossola) e l’uscita autostrada A26.

Cosa vedere

Sosta fotografica sul Ponte di Ferro che unisce Lombardia e Piemonte, dove potete vedere questo panorama: lago e fiume che si mescolano e in fondo le Alpi con il Monte Rosa che svetta

Sesto Calende ha un po’ tutto: locali e servizi ma anche una storia interessante e un ambiente naturale molto bello. Nella cittadina soprattutto in centro si trova la maggior parte dei locali, le frazioni offrono osterie degne di una visita e sono immerse in uno splendido ambiente naturale.

Davanti l’acqua, alle sue spalle boschi e colline che nascondono preziosi tesori: tra le tappe più belle per una passeggiata c’è la frazione di Oriano, dove c’è anche una scuola di Nordic Walking e partono bellissimi sentieri uno dei quali si chiama si chiama Sentiero delle Meraviglie Nascoste.

La frazione di Lisanza è una delle mie preferite: un piccolo borgo affacciato sul lago, famoso per il commercio del pesce (qui si può acquistare il pesce più fresco che poi viene mandato ai vari mercati) per il lido attrezzato con spiaggia e bar sul lago, per il ristorante pescheria Maremio.

Anche la località Sant’Anna merita una sosta: dall’ex idroscalo che oggi ospita un bel parco affacciato sul lago, al ristorante Verbella molto in voga, dove è anche presente una marina per le barche.

Sass da Preja Buia

Tra le mete di passeggiate più interessanti, la facile camminata verso il Sasso di Preja Büia

Il Sass da Preja Büia (letteralmente: sasso di pietra scura) è un grande masso erratico trasportato dai ghiacciai durante le glaciazioni, scolpito con molte incisioni dai popoli della prima età del ferro (II millennio a.C.). Vi si possono osservare soprattutto coppelle circolari ed altre forme, simboli di fertilità, utilizzate per riti sacri. Questo megalito è stato riconosciuto come Monumento naturale regionale.

Abbazia di San Donato

Molto bella perchi ama l’arte è una visita all’Abbazia di San Donato. L’abbazia sestese al suo interno ha opere diverse e dettagli importanti, come il ciclo di splendidi affreschi tra cui la piccola Madonna del Latte  la Madonna dei Limoni, o l’Ultima Cena di Giovanni Battista Tarilli fortemente ispirata al Cenacolo di Leonardo Da Vinci .

La Storia

Sesto Calende, come molte cittadine della sponda magra negli anni passati investì in industria rimanendo quindi più autentiche e "vere"Qui hanno sede ancora oggi importanti realtà dell’aeronautica come Ovs Villella e Leonardo, è stata “casa” della Siai Marchetti.

Non tutti sanno però che prima industria di Sesto, agli inizi dell'Ottocento, fu la fabbrica di cordami di canapa Maioni che aveva sede presso il vecchio convento e che ha poi ospitato l'ex complesso SIAI-Marchetti. Ma Sesto Calende diventò importante anche per il diffondersi dell'industria vetraria sul lago Maggioree vanta una lunga tradizione di ì i Maestri Vetrai che divennero anche cooperativa.

Il museo civico archeologico

La sua storia si scopre anche al museo civico archeologico. Presenta una importante raccolta di reperti archeologici della “civiltà di Golasecca”: una particolare cultura di popoli celtici fiorita in questa zona tra il IX ed i IV secolo avanti Cristo. Sono esposti oggetti di uso domestico, armi, monili facenti parte di corredi funerari.

Eventi

La cittadina vanta infine una vivace offerta di eventi, dal mercato, rassegne artistiche, il carnevale,... uno dei momenti clou è il palio che vede tra i momenti clou la sfida tra i rioni sull’acqua a bordo dei “dragon boats” (lunghe canoe sospinte da 20 rematori).

Cosa e dove mangiare

Il prodotto tipico del comune è il Raviolo di Sesto Calende al Persico di lago, Gamberi di fiume e menta, Marchio Denominazione Comunale. Si trova in alcuni pastifici e ristoranti e anche da Eataly.

Dove mangiare a Sesto Calende? Non c’è che l’imbarazzo della scelta, ce n’è davvero per tutti i gusti e le tasche. Segnalo tre indirizzi degni di una visita almeno una volta: la pizzeria Il Portichetto, classica pizzeria in centro, con spazio anche dehor, che offre tante varietà di pizze, ottimi prezzi e molto spazio.

Da provare per chi ama la cucina più gourmet I Tre Re e la Biscia, ristorani noti soprattutto per la cucina a base di pesce.


Da segnare in agenda anche La Cantina di Felipe, locale molto caratteristico e accogliente con ampia scelta di portate italiane ed estere con una particolare attenzione alla cucina caraibica, etnica e i piatti per chi è intollerante al glutine.

Cosa fare a Sesto Calende

Le cose da fare a Sesto sono tantissime: ci sono associazioni, locali, negozi, eventi, ideali per viverla in ogni momento dell'anno con ogni stagione atmosferica. Dallo shopping tra le vie del centro ai musei, alle possibilità di fare tantissimi sport all'aperto. Tanto che c'è anche un urban blog, I Love Sesto Calende, per scoprire un po' di più cosa c'è in città, oltre al classico sportello turistico.
In estate, per chi ama rinfrescarsi e divertirsi c’è anche un parco acquatico, si chiama Wave ed è perfetto per passare le giornate più calde: scivoli, piscina con le onde. io frequento la palestra e tiene per me i corsi fitness più belli della zona. In estate ogni tanto fanno qualche corso anche nella piscina all’aperto. Consigliatissimo! Attorno prato, chiosco per rinfrescarsi, tutto quello che serve per godersi l’estate.

Da non perdere, qualunque sia la stagione, una passeggiata anche lungo l’Allea, che è la strada che costeggia il fiume: se avete voglia di passeggiare, potete partire dal parco che si trova sotto il ponte di ferro e proseguire per il centro cittadino, tra negozi, locali, gelaterie, fino a inoltrarsi in  una bella stradina che costeggia il fiume, tra cigni, anatre e tanto verde.

Sesto inoltre ha diversi hotel, case vacanze e due campeggi molto famosi in zona, l’ideale per chi sta progettando una vacanza itinerante,magari anche in bici. Può essere il punto di partenza perfetto per chi prende il treno e poi si sposterà verso nord per scoprire le altre bellissime tappe della Sponda Magra. Naturalmente on the road.

Ascolta il podcast e scopri le tappe fotografiche

https://www.spreaker.com/episode/42146931

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista dal lontano 2003!, lavoro in un'agenzia di comunicazione e mi occupo di viaggi e agroalimentare. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.