Nuovi ostelli in Lombardia per gli amanti dell'ecoturismo

Ostelli in Lombardia
Ostelli nel verde e low cost in Lombardia

Arrivano ottanta ostelli in Lombardia per chi ama l'ecoturismo e le vacanze e low cost. Un'iniziativa per valorizzare della regione e dei suoi parchi. Adatti a famiglie, cicloturisti, appassionati di trekking e natura e accessibili anche ai disabili. A poche settimana dall’avvio di Bit2013 la Regione Lombardia ha infatti presentato il suo progetto HostelLombardia, il cui obiettivo è proprio quello di creare nuove opportunità turistiche e di accoglienza in chiave low cost.

Tra le attività sul punto di partenza per promuovere la nuova rete di ostelli, che saranno di piccole dimensioni e tutti in aree di pregio ambientale, ci saranno alcune iniziative promozionali come un road show, un concorso dedicato e vari eventi sul territorio lombardo per tutto l’anno.

[wp_ad_camp_1]

Il road show coinvolgerà le città di Como, Brescia, Mantova il prossimo settimana, sabato 26 gennaio, e poi il 2 e 9 febbraio 2013. Data ancora da definire per Milano. Nelle piazze cittadine saranno allestiti degli stand per distribuire materiali informativi sulla rete degli ostelli e offrire degustazioni di prodotti tipici del territorio lombardo, in collaborazione con i produttori locali. A supporto dell’iniziativa è stato anche ideato un concorso che verrà veicolato con una cartolina da compilare e consegnare presso lo stand di Hostel Lombardia alla BIT per partecipare all’estrazione del premio finale in fiera. Il premio consisterà in un buono di pernottamento in uno degli ostelli della rete, valido per due notti per due persone in camera privata e prima colazione inclusa.

HostelLombardia: le caratteristiche degli ostelli

Il logo del progetto HostelLombardia
Il logo del progetto HostelLombardia

Se a metà febbraio passerete dalla Bit, la Borsa Internazionale del Turismo (Rho Pero – 14-17 febbraio), nello stand dedicato troverete tutti i 50 ostelli già attivi, destinati a diventare 80 entro il 2013 e i pacchetti di itinerari collegati.

Queste strutture costeranno poco e saranno di piccole dimensioni, ma avranno standard qualitativi di alto livello in linea con le migliori strutture europee. Gli ostelli lombardi sono infatti dotati di sale attrezzate a uso comune, spazi destinati a incontri pubblici o a momenti ludici, bagni privati in quasi tutte le stanze, camere anche a uno, due o quattro letti, rete wi-fi e ausili per i disabili. Oltre ad essere accoglienti, sicuri, puliti e ordinati, sono spesso immersi nel verde e hanno ampi spazi all’aperto ideali per una vacanza “green”.

Queste strutture inoltre offriranno anche informazioni sui numerosi percorsi ed attività per il tempo libero identificati in collaborazione con il Touring Club Italia, per consentire agli utenti di scoprire al meglio il vasto patrimonio paesaggistico, culturale, religioso ed enogastronomico della Lombardia. Stiamo parlando di ben 10 itinerari: “il Cammino di Sant’Agostino”, “la Via Francigena”, “i Parchi di Lombardia” e “le Strade dei Vini e dei Sapori”, “Da lago a lago”, “Valtellina e Valchiavenna a tutto sport”, “Benessere e terme nella provincia di Bergamo”, “Oltrepo Pavese da gustare”, “Arte, Letteratura e Musica tra Cremona e Mantova” e “Natura e Archeologia in Valcamonica”.

Per saperne di più: HostelLombardia

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.