Sentiero Italia CAI: uno dei trekking più lunghi del mondo

Sentiero Italia CAI: uno dei trekking più lunghi del mondo

Il Sentiero Italia CAI è uno dei trekking più lunghi del mondo, e il più lungo in Italia. Si tratta di percorso escursionistico di oltre 7000 km che inizia a Santa Teresa Gallura, in Sardegna, per terminare a Muggia, in provincia di Trieste, dopo aver risalito l'intera dorsale appenninica da sud a nord e attraversato l’arco alpino da ovest a est, toccando tutte le regioni italiane.

È un’avventura da vivere zaino in spalla, che non tocca solo le cime, ma anche la media montagna, fatta di borghi e natura, il cuore e l’anima della nostra Italia.

Oggi il Sentiero Italia CAI è composto da circa 500 tappe lungo l'intera dorsale appenninica e il versante meridionale delle Alpi, sovrapponendosi in certi casi alcune grandi vie escursionistiche già esistenti, come la Grande Traversata delle Alpi in Piemonte, l’Alta Via dei Monti Liguri in Liguria, la Grande Escursione Appenninica in Toscana ed Emilia-Romagna e il Sentiero del Brigante in Calabria.

Storia del Sentiero Italia

Ideato nel 1983 da un gruppo di giornalisti escursionisti, riuniti poi nell'Associazione Sentiero Italia, l'itinerario è stato fatto proprio dal Club alpino italiano nel 1990. Il Sentiero Italia è stato inaugurato nel 1995 con la grande manifestazione organizzata dal Cai “Camminaitalia 95”, che vide un gruppo di escursionisti, guidato da Teresio Valsesia, Riccardo Carnovalini e Giancarlo Corbellini, partire da Santa Teresa Gallura per coprire gran parte del percorso in otto mesi, con la fondamentale collaborazione delle Sezioni Cai di tutto il Paese. Fu un grande evento collettivo che vide migliaia di escursionisti (in tutto furono circa 5000) unirsi al viaggio per tratti più o meno lunghi. Il “Camminaitalia” fu ripetuto nel 1999 assieme all'Associazione Nazionale Alpini (ANA). Negli anni successivi il percorso cadde nell’oblio.

Il progetto di rilancio del Sentiero Italia CAI

Nel 2018 il Club Alpino Italiano ha annunciato, d'intesa con l'Associazione Sentiero Italia, l'intenzione di recuperare e rilanciare il tracciato rinominandolo Sentiero Italia Cai. Durante tutto il 2019 centinaia di volontari del Sodalizio si sono impegnati nella revisione e nel recupero del percorso, con l’obiettivo di collegare tutte le regioni italiane con il fascino, la cultura, l’arte e le tradizioni dei loro territori interni.

Il progetto ha previsto la raccolta delle informazioni sullo stato del percorso e la progettazione, programmazione e realizzazione di tutti gli interventi necessari per la percorribilità (manutenzione, studio di varianti, posa della nuova segnaletica con la dicitura SI).

Lo scorso anno, lungo i 7200 km di percorso, i volontari sono stati impegnati per 6000 giornate di lavoro (24.000 le ore lavorate) e hanno utilizzato 712 kg di vernice bianche e rosse, 543 pennarelli indelebili, 725 frecce direzionali, 1234 tabelle tematiche, 11.413 etichette adesive, 6143 targhette di alluminio 882 bandierine bianco/rosse, 2931 numeri indicatori e 1799 kit di fissaggio.


Nel 2019 il Club alpino italiano ha organizzato il “Cammina Italia Cai 2019”, una grande staffetta escursionistica non continuativa che, da marzo a settembre, ha coinvolto migliaia di appassionati lungo una serie di tappe del Sentiero Italia di tutte le regioni italiane.

Il sito sentieroitalia.cai.it


Da febbraio 2019 è on line il portale dedicato al progetto, sentieroitalia.cai.it con una mappa interattiva e un sito cartografico che raccoglie le singole tappe divise per regione. Per ognuna di esse sono disponibili la traccia Gps da scaricare, la descrizione dell’area e informazioni come lunghezza, dislivello e difficoltà.

Punti di accoglienza

Da inizio 2020 è in allestimento una rete di accoglienza ufficiale del percorso, che raccoglie strutture all’inizio e alla fine di ogni tappa con personale preparato a dare tutte le informazioni, in particolare sulle tappe limitrofe, e fornire vitto e alloggio agli escursionisti.

I gestori di rifugi alpini e appenninici, bivacchi, baite sociali, b&b, strutture alberghiere, ostelli, campeggi e agriturismi, situati nei pressi dell’inizio o della fine di ogni singola tappa dell’itinerario, possono proporsi per per essere ufficialmente riconosciuti come “Punto di Accoglienza Sentiero Italia CAI”. A settembre 2020 hanno aderito una cinquantina di strutture in tutta Italia.

Le Guide escursionistiche ufficiali

Nel corso del 2020 è iniziata la lavorazione delle Guide ufficiali del Sentiero Italia CAI, edite dalla casa editrice Idea Montagna con la collaborazione del Club alpino italiano. I 12 volumi, che usciranno nel 2021, faranno scoprire e approfondire tutte le tappe di questo percorso che unisce il Belpaese con tutte le informazioni e dettagli utili (dettagli tecnici, mappe, punti accoglienza, fotografie, tipicità eno-gastronomiche e culturali e molto altro).

Gli autori

Gli autori delle guide hanno iniziato a percorrere in prima persona le tappe di propria competenza nell'estate 2020.

Tra essi troviamo Marco Garcea (ha percorso tappe in Calabria), Michele Renna (Campania), Andrea Greci (Appennino tosco-emiliano e Liguria), Franco Faggiani (Piemonte), Roberto Ciri (Lombardia), Lorenzo Comunian e Denis Perilli (Trentino e Alto Adige), Anna Sustersic (Friuli Venezia Giulia e Lombardia), Ruggiero Isernia (tappe tra Molise e Abruzzo) e Grazia Pitruzzella (Sicilia).

Il documentario ufficiale


Raccontare il Sentiero Italia Cai significa esprimere la bellezza del nostro Paese. E' questo l'obiettivo del documentario ufficiale, le cui riprese sono iniziate ad agosto 2020.

Il documentario è diretto dal regista Luca Bergamaschi, che si è avvalso della collaborazione del direttore di Montagne 360 Luca Calzolari e del giornalista e storico dell’alpinismo Roberto Mantovani, che già negli anni ’80 faceva parte del nucleo di camminatori e giornalisti che ideò il Sentiero Italia. La prima parte del viaggio e delle riprese hanno avuto come personaggio principale Eugenio Chemello, un ragazzo di 20 anni che durante il suo cammino tra Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Lombardia, Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia, ha incontrato e conosciuto alcuni dei protagonisti di quei territori.

isola delle correnti sentiero cai italia
La fine del Sentiero Cai Italia, a Isola delle Correnti (Sicilia)

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.