Alta Badia: 3 esperienze natalizie da provare in Alta Badia questo inverno

Alta Badia: 3 esperienze natalizie da provare in Alta Badia questo inverno

Non ho mai amato le atmosfere natalizie, i coretti della televisione durante le pubblicità dei pandori, il finto buonismo che permea il periodo del Natale.
Ma come ogni regola ci sono le eccezioni. Ed ecco, nei luoghi di montagna durante l’Avvento e il Natale si crea quell’atmosfera da paese di fiabe che conquista anche me. In montagna è diverso, ed è diverso specialmente in quei luoghi che consevano una tradizione e uno stile particolare durante il periodo invernale. Sto parlando dell’Alto Adige ad esempio. Con questo post vi segnalo 3 cose curiose che fanno nel periodo natalizio e che secondo me valgono un viaggio. Ma ce ne sono molte altre ovviamente: dai mercatini di Natale in primis, che qui accendono città e borghi di magia e luci. Ma ci sono anche passeggiate notturne con le fiaccole, lezioni di cucina tipica, creazioni di addobbi natalizi naturali in antichi masi. Insomma, io ho voglia di partire.

Tre eventi a Natale in Alta Badia che vale la pena vedere almeno una volta.

GUSTARE PIATTI TIPICI AL PAISC DA NADÉ A SAN CASSIANO
A San Cassiano in Alta Badia, nella zona pedonale del centro del paese, ritorna il villaggio natalizio del Paisc da Nadé dal 2 dicembre 2016 al 7 gennaio 2017. Casette in legno, presepi tradizionali, luci e addobbi, eventi e prodotti gastronomici, piatti tipici tra piccole baite.
Si potrà assaggiare per la prima volta il dolce “Treccia di Natale con zabaione al marsala”, ideato appositamente dallo chef stellato, Matteo Metullio* (Ristorante La Siriola c/o Hotel Ciasa Salares), che anche in questa occasione vuole deliziare i suoi numerosi fan e tutti gli ospiti dell’Alta Badia.

Il Paisc da Nadé sarà un luogo autentico e fortemente legato alla tradizione natalizia, dove la gente potrà vivere in prima persona il legame intenso con la cultura ladina, in un’atmosfera, dove la tranquillità e la quiete del Natale faranno da padrone.

LEZIONE DI  CUCINA ADDOBBI NATALIZI E DOLCIUMI AL MASO A BADIA
Per conoscere da vicino la vita del maso e le sue magiche atmosfere pre-natalizie, tappa al maso di Alfarëi, una struttura antica, del 13°-14° secolo, che si trova sopra l’abitato di Badia. Si parte a piedi con le fiaccole dal centro della frazione di San Leonardo. I partecipanti possono assistere a una lezione addobbi natalizi con materie prime naturali, per addobbare un albero di Natale originale e unico.

Zelten
Lo Zelten, dolce di Natale tipico dell'Alto Adige

Dopodiché, la signora Rosa Piccolruaz insegnerà come preparare il dolce tipico altoatesino, lo “zelten”, mentre suo marito Antonio illustrerà le antiche tradizioni dell’Avvento e del Natale in montagna.

L’evento viene proposto due volte, il 9 e il 23 dicembre 2016.

CONCERTO DI NATALE LUNGO IL SENTIERO DEGLI ARTISTI
Sul sentiero lungo il torrente tra La Villa e San Cassiano è nato alcuni anni fa il “Trú di artisć”, il Sentiero degli artisti, un interessante itinerario dove ammirare in esposizione opere di artisti locali. L’esposizione è permanente e può essere ammirata durante tutto l’anno da chi passeggia tra i due paesi dell’Alta Badia. Questo è il palcoscenico originale scelto per il concerto di Natale dei gruppi locali, Trio di corni Alpini Sassongher, Provoxis e Kyrios.
Il tutto comincia con una fiaccolata suggestiva che partirà alle ore 21 dalla località Altin, vicino alla centralina elettrica disegnata da Vudalfieri.

Dopo pochi minuti si arriverà la prima opera d’arte, dove si potranno ascoltare le melodie natalizie proposte dal coro locale, in mezzo al bosco sulla neve.

Magico, vero? Il primo appuntamento è previsto per martedì 20 dicembre con il Trio di corni Alpini Sassongher, mentre il secondo sarà mercoledì 28 dicembre con il coro Provoxis. Infine, giovedì 5 gennaio il coro giovanile Kyrios.

decorazioni natalizie fai da te

Per informazioni: Consorzio Turistico Alta Badia – www.altabadia.org – Tel.: 0471/836176-847037 – Email: info@altabadia.org

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.