Vienna fuoriporta: chioschi & champagne, Sacher e profumo di pane

Vienna fuoriporta: chioschi & champagne, Sacher e profumo di pane

Città d’arte, di parchi e imperatori, Vienna offre anche un’interessante ventaglio di spunti gourmet da scoprire passeggiando in centro o avventurandosi fuori porta. In questo post voglio raccontarvi qualcosa di diverso dai soliti luoghi di interesse e cose da vedere a Vienna. Moltissimi blog/guide/articoli ne avranno già parlato molto meglio di me.

Vi parlo invece di due aspetti che mi hanno colpita maggiormente della città imperiale: la natura, in città e fuori, e la passione degli austriaci per la panetteria, che li porta a costellare la città di chioschi e caffé super golosi, oltre alle famose pasticcerie.

Insomma, Vienna non è “solo” Sissi e torta Sacher, ma anche cultura rurale, artigianato, piccoli chioschi inaspettati da scoprire lungo la strada e panetterie gourmet.

La mia prima volta a Vienna è stato durante un press tour alla scoperta dei campi dove nascono i cereali antichi di Walkdorn, un brand di CSM Bakery Solutions, che ha promosso la riscoperta e la selezioni di particolari tipologie di cereali antichi, i farri.

Perchè proprio l’Austria? Per gli esperti non ci sono dubbi: questo mare d’erba a una quarantina di chilometri da Vienna è particolarmente adatto, per clima e terreno, per coltivare questo tipo di cereali. 

Vienna fuoriporta: tuffarsi in un mare d'erba e sapori antichi

Ma, se girate tra paesini e città, secondo me noterete un altro particolare importante. La cultura e la passione per il pane e le farine, caratterizzano diverse bakery presenti nella capitale austriaca e non solo. Pani di segale e di farro, ai cereali antichi e in versione dolce, panfrutto profumato e brioche fragranti. Una delle caratteristiche più interessanti dei cereali antichi, oltre al fascino della loro storia, è proprio il gusto, tanto che in Waldkorn c’è anche un vero e proprio “sommelier” del pane. 

L’Austria, e Vienna in particolare, è quindi il posto giusto per scoprire questi gustosi prodotti da forno profumati e gustosi. La bella notizia, è che il brand è arrivato anche in Italia e diversi fornai propongono queste golosità dolci e salate.

Vi parlo del brand perchè per me la visita al campo sperimentale Waldkorn per Informacibo è stata l’occasione per scoprire un lato dell’Austria che mi ha fatto subito innamorare: le campagne fuori Vienna. Precisamente attorno al paesino di Weikendorf, un paradiso privo di attrazioni turistiche vere e proprie, ma per me splendido se amate i paesaggi rurali. Qui le attività agricole di qualità sono tutelate anche con aiuti da parte del Governo, per fare in modo che la terra non venga abbandonata o trascurata. 

Atmosfere rurali a Weikendorf, nel campo test Waldkorn

Poco più di duemila abitanti, circondati da boschi, campi e tanti, tantissime aree verdi coltivate, tra cui il campo sperimentale e alcuni campi di cereali antichi Waldkorn.

Wurstel & champagne, i chioschi di Vienna

Dopo un pieno di natura, la vita cittadina sempre più apprezzabile. Tanto più che Vienna è ricca di parchi e aree verdi da visitare. Tra questi, il giardino pubblico del Volksgarden, con il suo splendido roseto.

Nel roseto del Volksgarden

Street food & champagne

Passeggiando tra un castello e un parco, vi imbatterete in numerosi interessantissimi chioschi, dove gustare a buon prezzo un ottimo bratwurst oppure l’inedita coppia hot dog e bottiglia mignon di champagne (chiosco di Albertinaplatz).

I chioschi viennesi di street food insomma sono un’esperienza di lifestyle e gastronomica da non perdere, in tutte le stagioni ma forse ancora di più sotto il periodo di Natale, visto che le casette di legno del mercatino natalizio sotto la cattedrale e per le piazze principali della città. Da metà novembre a Natale le più belle piazze di Vienna si trasformano in incantevoli mercatini natalizi. Nell’aria il profumo dei biscotti di Natale, di punch caldo e mandorle tostate. Il centro storico e le strade dello shopping sono decorate con le luminarie natalizie che avvolgono la città in un’atmosfera di festa. tra le casette di legno, tanti dolci tipici, profumo di griglia e pane, birre, vino e cioccolata per riscaldare l’atmosfera.

Sulle tracce della vera Sacher

A caccia della vera Sacher: quale sarà?

Qui siamo a casa della vera Sacher, la torta al cioccolato e marmellata “simbolo” di Vienna, di cui andava ghiotta anche la principessa Sissi. Oggi si gusta all’hotel Sacher, accompagnata da un ricciolo di corposa panna montata, che ammorbidisce il dolce al cioccolato (che, nella versione originale, è più secco e dolce rispetto alle versioni che troviamo in Italia, quindi la panna è perfetta per “smorzare” dolcezza e ammorbidire la consistenza della torta). 

Però, la Torta Sacher di Vienna è nata in un altro luogo, e per anni è stata oggetto di “contesa” con una altra famosissima pasticceria viennese, la pasticceria Demel, fondata nel 1888 a lungo pasticceria di Corte. Si dice che esistesse un passaggio segreto che la collegava direttamente al palazzo di Hofburg.

La storia della Sacher...

La Sachertorte fu inventata da Franz Sacher per il principe Von Metternich, Cancelliere e Ministro degli Esteri. Il suo pasticcere di corte cadde malato in un giorno importante e il giovane apprendista Sacher ideò questa prelibatezza. Il problema avvenne anni dopo, quando suo figlio Eduard andò a lavorare nella famosa  Pasticceria Demel portando “in dote” la ricetta della Sacher. Il contenzioso durò sette anni, e alla fine padre e figlio si riappacificarono e aprirono il famoso Hotel Sacher con l’omonimo caffè dove, ovviamente, la torta è ancora oggi la specialità della casa.

Ma il  contenzioso  si riapri quando,  negli anni ’30 del ’900, l’Hotel Sacher fallì e uno dei figli di Eduard andò a lavorare nella pasticceria Demel, concedendo in esclusiva a quest’ultima il marchio della Torta Sacher. Pochi anni dopo i nuovi proprietari dell’Hotel Sacher reclamarono i loro diritti e cominciarono una battaglia legale  che si concluse solo nel1962 davanti alla Corte Suprema Austriaca:  entrambe le pasticcerie potevano servire il dolce, ma l’Hotel Sacher poteva chiamarla “Original Sachertorte” , mentre la pasticceria Demel “Eduard Sacher Torte” a causa di leggere modifiche. La ricetta, ancora oggi, resta segretissima!

Pani e dolci con antiche, nuove farine

Se le pasticcerie sono famose e ricchissime di colori, sapori, dolciumi, le panetterie non sono da meno. E’ come entrare in una nuvola profumata di pane e dolcezza. Tantissimi tipi di pane e forme, dove non è raro trovare anche pani e dolci ai cereali antichi.  Un pieno di pani croccanti, dolci, brioches fatte a mano e biscotti si trovano nel piccolo negozio di Oliver's Teigwerkstatt, in  Goldschmiedgasse, tappa ideale per un panino rustico o una soffice brioche passeggiando. 

Sorrisi e pane artigianale di tantissime varietà anche da  Holzofenbäckerei Gragger & Cie, in Spiegelgasse, piccola panetteria con enorme assortimento di panetteria e dolci da forno con farine di qualità, come potete vedere nella foto qui sotto:

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.