Viaggi “Nudi e Crudi”: non convenzionali e solidali su LaEffe

Viaggi “Nudi e Crudi”: non convenzionali e solidali su LaEffe

“Per qualcuno viaggiare è una piacevole evasione nel lusso, per altri un'avventura carica di adrenalina. Per me è un'esperienza in cui ricevo tanto e cerco di dare qualcosa in cambio. È ora di partire, lasciate a casa la guida, questi sono viaggi nudi e crudi!” - Robert Rose

Non solo serie Anni 80 e film riciclati: in estate il palinsesto televisivo sperimenta qualcosa di nuovo. Vi segnalo un nuovo programma dedicato agli amanti dei viaggi "avventura" che sta andando in onda attualmente su LaEffe (CANALE 50 DTT E TIVÙSAT, 139 SKY), alle 15.

Robert Rose, viaggiatore consapevole che ha autofinanziato il programma
Robert Rose, viaggiatore consapevole che ha autofinanziato il programma

Si tratta appunto di "Viaggi Nudi e Crudi": itinerari seguendo i percorsi meno battuti, aperti agli incontri e a quello che capiterà, con l'obiettivo di conoscere le realtà locali, le culture e le persone lontane. È il viaggio di Robert Rose, viaggiatore e protagonista della una nuova avventura del ciclo RED – Read Eat Dream di LaEFfe.

Dalla Colombia alla Repubblica Ceca, dalla Transilvania allo Yucatan, Robert sta attraversando il mondo il mondo senza guide, lussi, comfort o itinerari precisi, convinto che il vero viaggio sia quello della scoperta, da vivere immersi nella cultura locale, fatta di musica, cibo, sport nazionali e feste tradizionali, instaurando con persone sconosciute nuovi legami e sviluppando spirito di solidarietà e appartenenza.

Un viaggio che vuole essere ecologico, consapevole, avventuroso e autentico, che si esprime pienamente in questa serie di 27 puntate da 30 minuti ciascuna, prodotta e finanziata in modo indipendente da Robert Rose e la sua crew.

Nel suo giro del mondo Rose arriva in Ecuador, e lo fa portando materiale scolastico ai bambini delle periferie, entra nelle zone più rurali di Trinidad per scoprire come l’isola protegga la sua ecologia e i suoi animali: uccelli, tartarughe e pesci di innumerevoli specie, fino alle foreste pluviali del Costa Rica, paradiso dell’eco-turismo mondiale.

In Europa va alla scoperta di quello che non si dice della Romania e in Polonia  senza dimenticare qualche tappa anche nelle grandi metropoli del mondo, come New York, dove lo attende un giro underground nei vicoli e nei quartieri lontani dal turismo convenzionale (a proposito, mai provata New York con il Citi Bike?).

 

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista dal lontano 2003!, lavoro in un'agenzia di comunicazione e mi occupo di viaggi e agroalimentare. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.