Natale e Capodanno in Israele: gli eventi da non perdere

Natale e Capodanno in Israele: gli eventi da non perdere

Natale e Capodanno in Israele: gli eventi da non perdere. Non è un modo di dire: qui culture e storie diverse si intrecciano e danno vita a esperienze comuni che oltreconfine si conoscono ancora poco. Qui luoghi millenari testimoniano storie antichissime e le rinnovano con impegni tutt'ora validi e profondi. #goisrael #tbnet

Un aspetto che non si immagina, e che invece si ama appena arrivati in Israele, è la capacità di questa terra di essere fedele a se stessa, eppure allo stesso tempo aperta al mondo. Il Natale in Israele, e il suo calendario di eventi tra le festività natalizie e il Capodanno 2016 sono un’occasione per approfondire questo aspetto e mescolarsi tra culture e contaminazioni diverse, tra tradizioni e iniziative innovatrici. E così, di fianco a riti antichi e siti millenari, si affiancano festival e iniziative originali, aperti.

Non solo: questo è l’anno del Giubileo e anche in Israele e il calendario prevede l’apertura di diverse Porte Sante e la possibilità di visitare magnifici edifici religiosi (trovate calendario e luoghi a fine post).

Anche se il l Natale più classico in Israele è quello che si vive tra Gerusalemme, Betlemme e i siti cristiani della Galilea, voglio partire a parlarvi degli eventi in Israele durante le feste da un altro luogo: Haifa, terza città israeliana per ampiezza. Sapete perchè?

La Festa delle Feste ad Haifa: il Natale di tre religioni assieme

Qui, fino al 24 dicembre, si tiene la Festa delle Feste di Haifa, che io credo uno degli esempi di fratellanza più belli del periodo. Si tratta di un festival unico nel suo genere che combina la celebrazione di tre religioni: ebraismo, cristianesimo e islam, con una serie di attività e iniziative che si svolgono durante i fine settimana, e che simboleggia i valori di convivenza, del vivere insieme in pace e armonia, nel  rispetto reciproco di tutte le religioni della città.

La Festa delle Feste di Haifa si svolge nel quartiere arabo di Wadi Nisnas e si estende fino alla colonia tedesca, ai piedi della Baha'i ‘Gardens. Durante l’evento si tengono anche fiere e mercatini: di antiquariato, artigianato, prodotto tipici preparati dai residenti e musica di tutte le etnie, animazione ed eventi per le famiglie.

gerusalemme
Holy Light Christian Feast Ceremony at the Church of the Holy Sepulchre, Jerusalem, the Old City.
Photo taken by Dafna Tal for the Israeli Ministry of Tourism

Natale e tradizioni: Gerusalemme, Betlemme e Nazareth

In generale Natale in Israele è un’esperienza coinvolgente: per fedeli ma anche per curiosi e turisti. La possibilità di trascorrere il Natale a Gerusalemme ad esempio, è sempre qualcosa di speciale, ricca di eventi, feste, Sante Messe, visite a importanti siti cristiani.

Ovviamente c’è anche la possibilità di partecipare alla messa di Natale a Betlemme: un evento unico, per il quale il Ministero del Turismo offre vari servizi a chi partecipa, come il trasporto gratuito fino a Betlemme, aiutando i pellegrini nel passaggio da Gerusalemme e Betlemme.
Il servizio navetta parte in base alle richieste dal Monastero di Mar Elias per arrivare alla Chiesa della Natività e viceversa, e prosegue non-stop ogni 30 minuti dalle 15 del 24 dicembre fino alle 3 del 25 dicembre. I rappresentanti del Ministero del Turismo accoglieranno i visitatori al Crossing di Rachel con un piccolo presente, in segno di ospitalità e benvenuto.
Per la messa della vigilia a Betlemme servono i biglietti che si possono comprare anche online (su www.goisrael.it trovate tutte le info)

A Nazareth è stato allestito un magnifico albero di Natale lungo Paolo VI street. Ma non solo: fino al 20 dicembre il centro è animato dal mercato locale e il 19 dicembre arriva il concerto dell’orchestra della Galilea nel parco industriale di Nazareth alle ore 20 con tanto di vin brulè sotto l’albero.

Mercatini di Natale a Tel Aviv

Tel Aviv è una città che non dorme mai, e pullula di iniziative sotto le Feste, soprattutto a Jaffa, la città vecchia. Fino a gennaio il porto antico è popolato dalle bancarelle del primo mercatino di Natale a Jaffa, in collaborazione con la Food Channel israeliana. Non mancano l’albero di Natale e persino il cannone da neve (ve l’ho detto che qui sanno stupirvi!).
Trovate non solo prodotti locali e specialità, ma anche show cooking, animazione per bambini, spettacoli.

Dopo il Natale: 3 eventi per scoprire Eilat sul Mar Rosso

Gli eventi proseguono anche dopo il Natale, e voglio parlarvi di alcuni che si tengono a Eilat, tra mare e deserto del Negev. Questa città la amo per diversi motivi: affacciata sul Mar Rosso, è dotata di spiagge e hotel ma anche di tanta natura, tanto da essere una delle località al mondo più famose per il birdwatching.
E’ stato il mio primo incontro con Israele, che vi racconto nel mio viaggio da Eilat a Tel Aviv, e per questo ci sono profondamente affezionata, tanto che spero di tornarci.

Qui troviamo un clima primaverile o estivo tutto l’anno e tanti eventi sempre. Ne segnalo tre che si tengono a gennaio, molto particolari.

  • Dall’1 al 6 Febbraio 2016, il Festival di Musica da Camera. Anche in questo caso, nel vero stile melting pot di Israele, arrivano musicisti di ogni tipo: professionisti ma anche dilettanti o semplici amanti della musica.
  • Dal 10 al 13 Febbraio, arriva il  Festival Internazionale di Danza del Ventre con artisti provenienti da tutto il mondo e, anche in questo caso, sia professionisti che dilettanti.
  • A fine mese poi, arriva il jazz (oddio vorrei essere là!) con il “Red Sea Winter Jazz Festival”

Giubileo 2016 in Terra Santa: passaggi di pace

Lo scorso 8 dicembre Papa Francesco ha inaugurato il Giubileo della Misericordia. Nel mese di dicembre si sono svolte le aperture delle porte sante a Gerusalemme (Basilica dei Getsemani), Haifa (Cattedrale Melkita e Maronita), Amman (cattedrale Melkita) e Nicosia (Cattedrale Maronita).
Il 24 dicembre alle 23.15 è prevista la cerimonia di apertura della porta santa a Betlemme, nella chiesa di Santa Caterina e il 27 dicembre alle 10 a Nazareth, alla Basilica dell’Annunciazione.
Varcare queste porte durante tutto l’anno del Giubileo è un segno di penitenza contro tutti i peccati del mondo e per la pace.
E’ un passaggio simbolico: varcare una Porta della Misericordia per conquistare l’indulgenza plenaria è l’adozione di uno stile di vita più versato all’amore verso il prossimo, alla riconciliazione e alla pace.

Spero che queste informazioni siano state utili e, se siete in Israele durante queste Feste natalizie e vi va di raccontarmi storie e luoghi curiosi, scrivetemi a redazione@vaquelpaese.com

Per tutte le info per un viaggio in Israele, consultate il sito ufficiale Goisrael.it

Shalom!

(Photo taken by Dafna Tal for the Israeli Ministry of Tourism)

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.