Los Roques: paradiso o inferno?

los-roques-venezuela
Los Roques: paradiso "maledetto" per molti turisti

In questi giorni si è tornato a parlare molto di Los Roques, arcipelago corallino in Venezuela, famoso per le spiagge incantevoli e il mare color turchese. Oggi non sono le pagine di turismo a occuparsi di questo angolo di mondo meraviglioso, ma le prime pagine dei giornali di cronaca, per la scomparsa di Vittorio Missoni mentre rientrava da Gran Roque (l’unica isola abitata dell’arcipelago) verso Caracas. Da lì avrebbe dovuto rientrare a Sumirago e riabbracciare i suoi cari. Invece lui, assieme alla sua compagna Maurizia e ad altri due amici, sono svaniti nel nulla, l'aereo ha interrotto i contatti radar dopo pochi minuti dal decollo e non si capisce che fine abbiano fatto. Di nuovo.

Purtroppo non si tratta di un caso isolato: negli anni spesso e volentieri quella tratta maledetta da Los Roques a Caracas ha fatto scomparire diversi velivoli. Delle persone che erano a bordo, nessuna traccia.
Mentre in Venezuela le ricerche proseguono senza sosta, si accavallano le ipotesi di cosa possa essere successo: tempesta o avaria del piccolo aereo (che era del 1968...)? Distrazione o dirottamento dei narcos?

Fatto sta che, senza fare allarmismi, ora molti turisti si stanno ricominciando a porre la notizia se quell’arcipelago e, soprattutto, il volo per raggiungerlo, siano sicuri.

[wp_ad_camp_1]

Sicurezza e viaggio è un binomio che non sempre dà i risultati voluti, e in ogni spostamento bisogna calcolare una parte di rischio. Pensiamo a tutte le disavventure e incidenti che capitano in tutto il mondo. Non si può demonizzare una località.

Spesso per esempio ho sentito parlare non molto bene dei voli interni della Russia verso la Siberia, in particolare Irkutsk.

Però, c’è un però: l’episodio di Los Roques non è isolato. Ricordiamo nel 2008 sparirono in modo simile 15 persone. Dieci anni prima altri turisti furono inghiottiti nel nulla in quella tratta, che si candida ad essere un nuovo Triangolo delle Bermuda. 

Tuttavia i misteri lasciamoli ai romanzi: qui si tratta di errori umani o tragiche fatalità. E da turisti ci chiediamo: è una località sicura? Le agenzie di viaggio e chi vende viaggi in questa zona, informano dovutamente su chi ha intenzione di recarsi laggiù?
Sarebbe interessante conoscere l’opinione degli addetti ai lavori a proposito, visto che di domande sul tema ne arrivano e molte e anche Licia Colò, che di viaggi se ne intende abbastanza, ultimamente in tv ha detto che non giudica quel luogo perfettamente sicuro.

Diceva Agatha Christie: un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi sono una prova.

Cosa succede in alcuni voli da e per Los Roques? E’ giusto chiederselo.

 

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.