Turista a Firenze stacca il dito a una statua (per la serie: era meglio se stavi a casa)

Particolare-Ratto-di-Poliss--620x420

Per la serie: "era meglio se stavi a casa"....a proposito di turisti da mandare a quel paese...è notizia di oggi che una turista, una di quelli appartenenti al genere che si preferirebbe stessero a casa a guardare la tv, mentre era in visita a Firenze, ha staccato un dito della mano sinistra della scultura di Pio Fedi raffigurante Il ratto di Polissena.

Avete capito bene: una donna, mentre passeggiava, me la immagino con la macchina fotografica reflex al collo (che mantiene rigorosamente in modalità auto, perchè in manuale spesso non la sanno usare..) ha pensato bene di danneggiare  una statua collocata nella Loggia dei Lanzi, in piazza della Signoria a Firenze.

Secondo quanto spiegato dalla soprintendenza, il fatto è accaduto ieri, attorno alle 23.20. Tutte le dita di quella mano, hanno spiegato gli esperti, sono frutto di integrazioni, rese necessarie da ripetute asportazioni e atti vandalici, l'ultimo a ottobre scorso.

Insomma non è nemmeno la prima volta che ignoti danneggiano il patrimonio artistico fiorentino.  La soprintendenza al Polo museale fiorentino ha spiegato all’Ansa che appena accaduto l'episodio, una vigilante della Sipro  ha avvertito una pattuglia dei vigili urbani, dando precise indicazioni relative al responsabile del gesto.

Gli agenti, intervenuti  immediatamente, hanno identificato e fermato l'autrice dell'atto vandalico che si stava allontanando dalla Loggia.

Ancora non è stata resa nota la nazionalità, pare fosse di lingua inglese.

La statua sarà restaurata già oggi per fortuna, e il frammento sarà reintegrato da Alberto Casciani, il restauratore già intervenuto cinque mesi fa sullo stesso elemento.

 

Sconvolgente l’ignoranza e l’inciviltà di persone abituate a viaggiare. Ma almeno il restauro è andato bene...vi ricordate invece cosa accadde con il restauro nel paesino di Borja??

Travel Bloggirl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.