Alla scoperta di Montereggio, il "Paese dei Librai" con la sua Festa dedicata ai lettori

Sta per iniziare a Montereggio di Mulazzo, nel cuore dell’Alta Lunigiana, l’ottava edizione della “Festa del Libro” – dal 20 al 28 agosto 2011. Montereggio non è un borgo qualunque, ma è conosciuto come il Paese dei Librai e da anni la sua antica piazza ospita bancarelle, librai e rassegne culturali che hanno costruito la fama di questo piccolo comune. Si tratta dell’unico paese italiano nel circuito I.O.B. (International Organisation of Book Towns)

La Festa del Libro di Montereggio di Mulazzo quest’anno si aggancerà anche ai festeggiamenti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e saranno presenti giornalisti, saggisti, scrittori, tutti ad affrontare la nostra storia da punti di vista e angolazioni differenti.

Eccovi il programma della Festa del Libro di Montereggio, organizzata proprio dal Comune di Mulazzo.

+++    Sabato 20 agosto si aprono le danze con  il pittoresco e affascinante mercato di libri rari, antichi o d’occasione con bancarelle e libri d’occasione tra le vie del centro. Dalle  10.00 alle 22.00 (sab-dom) e dalle 16.00 alle 22.00 (lun-mar-mer-gio-ven).

+++    Domenica 21 agosto iniziano alle 17.00 gli incontri con l’autore.

Si comincia con Libereso, il giardiniere di Calvino. La storia di Libereso Guglielmi è l’espressione di uno spirito vitale e libero, che a stento si lascia imbrigliare in una narrazione: come una pianta in perenne primavera “getta” e intreccia sempre nuovi ricordi da cui spuntano, a ogni pagina, curiose e affascinanti rivelazioni, sulla storia di questo secolo, attraverso le due guerre e il fascismo, sul professor Calvino, di cui da giovane fu giardiniere e su Italo. Ma sono soprattutto le idee di Libereso sugli uomini e sulla natura, che ne completano l’incantevole ritratto e lo rendono unico, la miriade di cose che sa e dice su piante, fiori, paesaggi dopo una vita passata tra Sanremo, l’Inghilterra, in cui ha diretto i giardini della Regina, e tante altre parti del mondo.

Segue, alle 18.00, Rosella Postorino con Il mare in salita. Quello che da fuori può sembrare solo un piacevole viaggio nei luoghi della Riviera di Ponente (luoghi, tra l'altro, scelti con intelligenza e descritti con un certo affetto), è in realtà un bel percorso sentimentale, che si percepisce sincero e quindi si sente dentro. C'è un modo personale e insieme collettivo di riguardare al passato, dando un posto a tutto sia nel cuore che nella mente. E poi si sente forte l'emozione del legame con una terra dell’infanzia, lasciata alle spalle dopo l’emigrazione e rimasta “bella” nel ricordo, seppure analizzata con razionalità nei suoi aspetti anche peggiori. Ma la Riviera dei Fiori è l’Italia: ci sono il cemento, le alluvioni, la ’ndrangheta, l’emergenza rifiuti, i ghetti albanesi e nordafricani. Ma è più dell’Italia: è un racconto apocalittico, risorgimentale, un racconto della Resistenza, una fiaba.

Alle 21.00 Gianfranco Micali, già autore de La formula di Brunelleschi, è un giallista profondo conoscitore di storia dell’arte. Con questo libro, Il segreto del Re Sole, si entra nel mistero che nasconde il dipinto I pastori d’Arcadia di Nicolas Poussin tale da avere ossessionato la vita del Re Sole Luigi XIV e averlo spinto a distruggere l’esistenza del suo ministro Nicolas Fouquet. E perché il segreto è ancora così attuale da interessare spie, studiosi di storia dell’arte e di esoterismo, e gli organizzatori di un complotto internazionale? A Torino, crocevia di potenti energie, muore l’ex capo dei servizi segreti che ha dominato l’epoca dei misteri d’Italia, e Luigi XIV, con un ambiguo messaggio, costringe Fangio Mazzarino a indagare sia nel presente sia nel passato...

+++   Mercoledì 24 agosto, alle 18.30, ci sarà Natalino Balasso, attore, comico e autore. Ci parlerà de Il figlio Rubato. La storia è ambientata nella parte d’Italia nota come la ricca provincia del Nordest. Il titolare di una “fabbrichetta”, la sua villa, la sua famiglia. Una vendetta terribile, che arriva da lontano. Un giornalista curioso che scava per portare a galla segreti ben custoditi, un passato di cui far perdere le tracce, un presente da non rivelare.

Balasso si è avvicinato alla storia narrata in questo libro con l’idea di non ricercare l’ammiccamento simpatico al pubblico del comico o dell’umorista, ma con quella di scrivere guardando solo alla pagina e non a quello che le gira intorno. Come afferma lo stesso Balasso, è un libro che si rivolge a lettori nuovi e intelligenti, che non giudicano un libro, nel bene e nel male, prima di averlo letto.

Questo non è un tentativo, è un libro scritto nel miglior modo che l’autore conosce, che non fa sconti al business della cultura patinata e vuole raccontare una storia dura come la vita, con le suecontraddizioni e il suo imperfetto arrancare.

Alle 21.00, il politico Dario Franceschini con il suo terzo romanzo, Daccapo, torna nella sua Ferrara e racconta con grande passione la storia di Iacopo Dalla Libera, notaio in un paese in provincia di Mantova. Un distinto signore conosciuto da tutti, benestante, sposato a una donna che non ama granché, figlio di un padre, notaio a sua volta, che ora è anziano e sta per morire. Proprio in punto di morte, il genitore gli confida di aver avuto altri 52 figli, da altrettante prostitute, di cui ha tenuto esattamente il conto e a cui ha mandato soldi per molti anni. Ora gli chiede di rintracciarli perché vuole vederli prima che sia troppo tardi. Inizia così l’odissea di Iacopo, che sconvolto va a Ferrara alla ricerca delle prostitute e al primo indirizzo trova una giovane bellissima, Mila, da cui viene immediatamente sedotto e a poco a poco condotto alla scoperta di un universo di follia e passione che travolge anche la sua stessa famiglia e l’identità di sua moglie...

+++  Giovedì 25 agosto, alle 18.30, da un’altra angolazione, quella di giornalisti enogastronomici, Clara e Gigi Padovani, partendo dal 1861 e fino ai giorni nostri, in Italia Buon Paese, raccontano come sono nati e si sono evoluti gli stili alimentari del nostro Paese, e propongono un’inedita cronologia con 500 date fondamentali per la costruzione dell’identità agroalimentare italiana. Quindici ricette emblematiche, una per decennio, scandiscono i mutamenti delle tendenze culinarie del Buon Paese, da Vialardi e Artusi agli chef del nuovo millennio. Un tuffo nella memoria collettiva, per capire quanto della nostra identità si debba alla cucina.

Alle 21.00 un pezzo di storia d’Italia vista da un’altra angolazione ancora e con un altro mezzo, quello teatrale: FELTRINELLI, UNA STORIA CONTRO.

ll monologo di Mauro Monni, con musiche dal vivo, racconta della storia italiana dal dopoguerra ai primi anni ’70 vista attraverso gli occhi e l’impegno politico di Giangiacomo Feltrinelli, fondatore dell’omonima casa editrice. Scopriremo com’è nato un capolavoro come il Dottor Zivago e come sia stata avventurosa la sua pubblicazione; come Giangiacomo si avvicini alla realtà cubana quasi per caso, arrivando poi a esserne coinvolto a tal punto da decidere di tentare la rivoluzione anche in Italia.

Infine rivivremo gli anni bui delle stragi di stato e degli anni di piombo fino al tragico epilogo di Piazza Fontana, alla conseguente clandestinità di Feltrinelli, accusato ingiustamente di esserne stato l’esecutore materiale, e alla sua ancor oggi misteriosa morte.

Venerdì 26 agosto alle 18.30 Sergio Staino, papà del personaggio/fumetto che lo ha reso famoso, Bobo, e fondatore di TANGO, ci parlerà di satira politica nell’Italia degli ultimi ottant’anni.

Con l’occasione verrà presentata la mostra La satira politica in Italia dagli anni ’30 a oggi, dalla raccolta di materiali, manifesti e prime pagine di giornali e riviste, del libraio Giuseppe Chiappini.

Ancora una diversa angolazione, quella del giornalista sportivo, Oliviero Beha alle 21.00. Che cosa è successo al calcio, in Italia come in Europa, negli ultimi trent’anni? Quali sporchi giochi vengono condotti dietro lo spettacolo dello sport più amato del mondo? Chi ne muove gli enormi interessi nascosti? Vecchi bomber burattinai, funzionari corrotti, giocatori indebitati fino al collo, professionistiche minacciano i colleghi e portieri che somministrano di nascosto sonniferi ai compagni, offrono un altro spaccato di storia della nostra Italia. Il libro è Il calcio alla sbarra.

+++   Sabato 27 agosto, alle 18.30 passiamo al paesaggio e alle opere artistiche e architettoniche. La formidabile coppia di giornalisti / saggisti, Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, autori fra l’altro dello stravenduto e citato La Casta, specializzati in libri-denuncia sugli orrori del Bel Paese, dedicano questa volta un volume, Vandali, alle bellezze del paesaggio: alle poche ancora intatte e alle molte ormai devastate.­Croce affermava che “il paesaggio è la memoria della Patria”. Ben poca memoria sembriamo avere noi, anche se in questi mesi cerchiamo di mascherarlo facendo fronte comune per i festeggiamenti dell’Unità d’Italia. Dopo la lettura di queste pagine l’impressione è che l'Italia sia unita solo dal degrado e dall’incuria, dalla stupidità e dalla speculazione, a Nord come a Sud, nelle Isole come nelle regioni del Centro (da rec. IBS). Le uniche ricchezze che abbiamo, il paesaggio, i siti archeologici, i musei, i borghi medievali, la bellezza, sono sotto attacco. Un incubo culturale, un’angoscia economica. Eravamo i primi al mondo nel turismo: siamo precipitati per competitività al 28° posto.

Alle 21.00 Gianluigi Nuzzi, invece, ci racconta l’Italia della criminalità con il suo Metastasi. La Pianura padana come l’Aspromonte. Ormai la ’ndrangheta controlla il Nord e fa affari con chiunque. Questo libro offre una prospettiva inedita per capire un fenomeno ormai “vecchio” di trent’anni. Solo che tutti hanno fatto finta di niente. Un esercito di 1500 persone che controlla dagli anni Settanta non solo il traffico di armi e di cocaina ma anche un’importante quota della liquidità lombarda; sì, quella dei salotti buoni, dei politici, dei cavalieri del lavoro, delle camere di commercio, delle amministrazioni locali. Trent’anni di mazzette (e se necessario di omicidi) per ottenere licenze edilizie e controllare una buona parte degli immobili commerciali del Nord Italia avendo un dominio ferreo del territorio anche grazie alla continua e capillare attività di estorsione.

+++   Domenica 28 agosto alle 17.30 incontriamo anche l’Italia della cristianità.

È un saggio, questo di Alessandro Barbero, sulla battaglia di Lepanto del 7 ottobre 1571, in cui l’Europa cristiana infligge ai turchi una sconfitta catastrofica, che si legge come un romanzo ed è una lettura sostenibile facilmente fino alla fine nonostante le 600 e più pagine. È vero che Lepanto fu una vittoria più propagandistica che altro, ma cosa sarebbe successo in caso di sconfitta? Venezia sarebbe rimasta in piedi fino a Campoformio? E Roma? La Spagna sarebbe rimasta a fianco del Papa in caso di invasione turca? Questo libro non è l’ennesima storia di quella giornata. È uno straordinario arazzo dell’anno e mezzo che la precedette. La sua trama è fatta degli umori, gli intrecci diplomatici, le canzoni cantate dagli eserciti, i pregiudizi che alimentavano entrambi i fronti, la tecnologia della guerra, di cosa pensavano i turchi dei cristiani e viceversa.

E per chiudere un po’ di intimità. Alle 18.30 incontriamo Andrea Salieri che con L'amore che strappa la carne narra la struggente, tragica e paradossale storia d’amore di una coppia di sposi, nella quale si fondono e contrappongono, sino alle estreme conseguenze, due modi di amare e di rapportarsi all’esistenza: Alessio, dominato da un sentimento neoromantico, ha fede in un per sempre che trascende la carne, i luoghi e il tempo, mentre Silvia, spirito materialista e disincantato, consegna il suo bene alla precarietà del reale e alla finitezza dell’essere umano.

È quasi sempre l’Italia al centro del nostro percorso, vista da più parti, con le sue bellezze e le sue miserie. Quale modo migliore per ricordare l’anniversario e magari, tra un bicchiere di vino e un piatto di salame, trovare qualche buona soluzione.

Il mercato di libri rari, vecchi e d’occasione è sulla piazza e lungo le vie del borgo, mentre gli incontri  con gli autori sono nella Chiesa di S. Apollinare (ingresso gratuito).

Tutte le info qui: http://www.montereggio.it

 

Al.Fa

Ciao, sono Alessandra, faccio la giornalista da oltre dieci anni, lavoro in un'agenzia di comunicazione in ambito food e scrivo di viaggi e cibo per diverse testate online. Le mie passioni? Viaggi, storie autentiche, natura, mobile journalism. Non serve andare lontano per stupirsi. Quello che serve a un viaggiatore sono occhi aperti e buona memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.